Hotel Napoli Mergellina

Dormire a Mergellina, il lungomare di Napoli

Dormire a Mergellina

Ampi viali, architetture eleganti, alti palazzi signorili e un lungomare unico al mondo. Dormire a Mergellina durante un soggiorno a Napoli è sicuramente un privilegio. E’ vero, non si è nel centro storico, ma scegliere un hotel a Mergellina significa godere a pieno della bellezza unica di questa poliedrica città. Accanto agli stretti e caratteristici vicoli di panni stesi, palazzi antichi e chiese nascoste del centro, Napoli ha da offrire al turista anche zone meno antiche ma allo stesso modo ricche di fascino. Ubicata proprio sotto la collina di Posillipo, Mergellina gode di una posizione privilegiata, è un elegante salotto cittadino ricco di locali, ristoranti, belle piazze e tanti bar, i famosi chalet del lungomare, che insieme ai produttori di taralli, rendono speciale una passeggiata tanto in estate, quanto in inverno. Oltre al panoramico lungomare - ove non è difficile incontrare napoletani intenti a fare jogging, famiglie con bambini in bicicletta o coppie di ogni età in atteggiamenti romantici - ci si può rilassare un po’ sugli scogli e fermarsi per ammirare i suggestivi scorci sull’intero Golfo, con Vesuvio e Castel dell’Ovo in prima linea. La sera, soprattutto in estate, se si é fortunati, attorno alla mezzanotte è possibile anche assistere allo spettacolo dei fuochi d’artificio, sparati da qualche paese vesuviano o da qualche barca in festa in mezzo al mare. Basta un autobus o un paio di fermate di metropolitana per raggiungere il centro da Mergellina. Inoltre, dal suo porto partono costantemente gli aliscafi per raggiungere Capri e Ischia, due delle perle del Golfo di Napoli.

 

Cosa visitare al Vomero

Oltre al suo magico lungomare, ove è possibile ammirare la splendida Fontana del Sebeto, passeggiando nella parte più interna del quartiere è possibile ammirare le splendide architetture dei palazzi e alcuni elementi monumentali degni di nota.

Fontana del Sebeto

Ubicata alla fine di via Francesco Caracciolo, camminando, quindi verso il centro, questo seicentesco monumento, in marmo e piperno, affaccia direttamente sul mare e raffigura due mostri marini da cui sgorga acqua e la statua di un vecchio, che simboleggia il fiume Sebeto appunto, corso d’acqua che scorreva anticamente in città.

La Fontana del Leone

L’acqua è elemento preponderante in questa zona di Napoli, e la presenza di un’altra fontana monumentale ne è la prova. La settecentesca Fontana del Leone è una struttura molto imponente, grande, anche se posta in una strada in realtà stretta, via Mergellina, che dalla grande piazza Sannazaro porta al mare. A pianta semicircolare, quasi fosse un piccolo anfiteatro, è articolata in due livelli: uno superiore a livello strada, su cui è posta la statua di un leone, e inferiore, ove è posta la vasca. La fontana fu voluta da Ferdinando I delle Due Sicilie perché in quel punto sgorgava un'acqua molto fresca che serviva per l'approvvigionamento della famiglia reale quando risiedeva a Mergellina

Consigliato per

Eu tota moderatius usu, ad putant aliquando constituam ius, commodo sententiae suscipiantur nam eu.

Image Image Image Image

Trasporti

Eu tota moderatius usu, ad putant aliquando constituam ius, commodo sententiae suscipiantur nam eu.

  • Metropolitana Line 1 / 2
  • Funicolare
  • Bus e Tram
  • Putant aliquando constituam
 

HOTELS VOMERO CONSIGLIATI

Quisque at tortor a libero posuere laoreet vitae sed arcu. Curabitur consequat.